Il Grande Filtro: Dove Sono Finiti Tutti gli Alieni?

Gli scienziati ritengono che ci sia una ragione convincente per l'assenza di scoperte aliene, che allude alla possibilità di estinzione dell'uomo.

L’universo è incredibilmente vasto e contiene trilioni di stelle in miliardi di galassie. Con così tanti mondi, sembra ragionevole aspettarsi che la vita sia sorta innumerevoli volte nel corso della storia cosmica. Eppure, cercando nei cieli, non troviamo alcuna prova di civiltà aliene avanzate che abbiano cercato di contattarci o visitarci. Questa sorprendente assenza è stata evidenziata nel 1950 dalla famosa domanda del fisico Enrico Fermi: “Dove sono?”.

La continua mancanza di intelligenza extraterrestre osservabile è diventata nota come Paradosso di Fermi. Per risolvere questo enigma è necessario spiegare quali barriere impediscono alla vita tecnologica di prosperare su altri mondi e di diffondersi nella galassia. Una teoria convincente suggerisce che le probabilità estremamente basse nelle transizioni evolutive chiave creano un “Grande Filtro” che blocca l’emergere di società spaziali. Individuare il passaggio che fa inciampare quasi tutte le specie ha una profonda importanza per le prospettive dell’umanità.

Il Grande Filtro come soluzione ai cieli silenziosi

La teoria del Grande Filtro delinea una serie di transizioni, ciascuna con le relative probabilità, necessarie per produrre una civiltà spaziale avanzata. Queste includono le condizioni planetarie che permettono la vita, l’emergere della chimica replicante, l’evoluzione di eucarioti complessi, lo sviluppo dell’intelligenza e la diffusione attraverso le frontiere interstellari. Con così tanti lanci di dadi in un cosmo di 14 miliardi di anni, molte specie dovrebbero aver percorso questa scala. L’assenza delle loro firme di astroingegneria implica un filtro – un passo ultraimprobabile che elimina quasi tutte le aspiranti civiltà galattiche.

Questo filtro potrebbe comportare la transizione dalla vita semplice a RNA/DNA alle cellule complesse, o dai batteri unicellulari all’intelligenza tecnologica. In alternativa, potrebbe essere innescato dall’esaurimento delle risorse o dall’auto-annientamento causato da guerre nucleari, agenti patogeni ingegnerizzati, superintelligenza artificiale non limitata o altre minacce esistenziali che potrebbero plausibilmente sorgere con la potenza tecnologica. Anche fattori esterni, come l’impatto di asteroidi, possono continuamente azzerare l’orologio dell’evoluzione nei vari mondi. L’identificazione di questo passo improbabile aiuta a spiegare i cieli vuoti nonostante i fattori che favoriscono la proliferazione cosmica della vita.

Il Grande Filtro è alle nostre spalle

Una prospettiva ottimistica sul Grande Filtro suggerisce che l’umanità ha già superato la transizione più improbabile sviluppando capacità tecnologiche per comunicare attraverso i divari interstellari. Potremmo essere tra i primi tedofori, i primi ad aver superato la Grande Barriera.

Valutando i gradini della scala di sviluppo, abbiamo la prova empirica che mondi abitabili, chimica organica, vita semplice e intelligenza sono tutti chiaramente possibili nel cosmo. La Terra lo dimostra. Con questi precedenti, l’umanità ha forse una forte possibilità di ereditare la galassia se gestiamo saggiamente i poteri tecnologici per evitare l’autodistruzione.

Tuttavia, anche se abbiamo superato delle soglie fondamentali, colonizzare le stelle e diffondersi attraverso le frontiere interstellari rimane incredibilmente impegnativo. Trasmettiamo ancora solo semplici fughe radio, piuttosto che fari mirati. Le nostre sonde hanno a malapena attraversato lo spazio interstellare a una minuscola frazione della velocità della luce. In 50 anni nessun essere umano ha mai viaggiato oltre la Luna. E molte sonde inviate su Marte e altrove rivelano che gli ambienti planetari possono passare rapidamente da abitabili a sterili.

È quindi probabile che ulteriori filtri attendano ancora di essere applicati sulla strada da percorrere. Raggiungere anche solo una frazione della nostra galassia richiederebbe la padronanza della propulsione, dell’ibernazione, del riciclaggio, del controllo del clima, della governance e della cooperazione su scale senza precedenti per milioni di anni attraverso imprevedibili cambiamenti galattici. E la conferma anche di un’altra civiltà tecnologica là fuori indicherebbe che la Grande Barriera è ancora alta davanti a noi, dopo tutto. Non possiamo escludere definitivamente la presenza di simili coetanei nascosti in qualche braccio lontano della Via Lattea.

Il Grande Filtro è davanti a noi

Tuttavia, potremmo essere solo l’ultima specie che sta salendo le scale e che presto inciamperà nel Grande Filtro che ha ostacolato tutte le altre. L’assenza di rovine, manufatti o comunicazioni di civiltà aliene osservabili implica che nessun predecessore abbia varcato la soglia cruciale dell’espansione. E se qualche capacità tecnica che svilupperemo nel prossimo secolo si risolverà sempre nell’auto-annullamento subito dopo, ciò spiegherebbe l’assenza locale e cosmica di civiltà di pari livello.

Saremmo destinati a seguire le orme di innumerevoli esperimenti precedenti prodotti da un universo fertile – tutti condannati da tecnologie accessibili che provocano guerre terminali, malattie ingegnerizzate, intelligenza artificiale senza limiti, devastazione ambientale o altri modi per strappare la sconfitta dalle fauci della vittoria interstellare. Il silenzio richiede che la maggior parte non trovi mai il sentiero stretto attraverso i pericoli che circondano l’adolescenza tecnologica.

Conclusione

Nei prossimi decenni, l’espansione delle conoscenze astrobiologiche sull’abbondanza di esopianeti, sulla chimica prebiotica e sulle firme dell’industria lontana potrà fornire indizi sulla probabilità di transizioni chiave, rafforzando o indebolendo la tesi del Grande Filtro. Questa diagnosticabilità empirica basata sull’evidenza cosmica distingue l’ipotesi da molte altre soluzioni proposte per il paradosso di Fermi.

Pur essendo forse inquietante, focalizza l’attenzione sulle scelte e sui rischi esistenziali che una specie che esercita poteri precari sul proprio ambiente e sulla propria esistenza dovrà presto affrontare. Riconoscere le sfide comuni che probabilmente dovranno affrontare tutte le civiltà tecnologiche emergenti può guidare l’umanità verso una traiettoria più sostenibile attraverso i prossimi colli di bottiglia. Il Grande Filtro è quindi più di una congettura cosmologica: è un’allegoria che mette in guardia contro l’autosabotaggio della civiltà nel momento in cui consideriamo l’impiego di tecnologie che plasmano il mondo nel XXI secolo. Ascoltare la sua lezione ammonitrice può determinare se il nostro futuro si dispiegherà tra le stelle o passerà inosservato in un cosmo freddo e letale.

Bookmark (0)
ClosePlease login
Quantum Soul
Quantum Soul

Evangelista della scienza, amante dell'arte

Articoli: 122

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *